Archivio Cavall_scrivendo 2012

/Archivio Cavall_scrivendo 2012
Archivio Cavall_scrivendo 2012 2017-09-22T16:04:33+00:00

Cavall_scrivendo 2012

Archivio

Gennaio L’equitazione ha precisamente
la funzione di realizzare
la fusione di due volontà
e di due esseri viventi;
non si può parlare dell’uno
senza considerare le reazioni dell’altro
o tutti i gesti
e i comportamenti del primo.

(Challan Belval)

Febbraio GINGER

 
Un prato fluttuante
Il vento scuote le cime dei pascoli
Distese infinite dove sporadiche giumente
Con il grembo gonfio del loro puledro
Sono le ultime immagini che si sono stampate
Nei grandi e buoni occhi di Ginger
Un cielo plumbeo
E una triste pioggerellina
Hanno dato il saluto al generoso Ginger.
Non accompagnerà più nessuno
In splendide passeggiate
Sui morbidi bordi erbosi.
Non riusciamo a spiegarci perché
Succedano questi tristi avvenimenti,
sappiamo solo che il dolore
non si scolla dai nostri occhi e
la morsa al cuore non lascia la presa.
Un brutto incidente ha deciso il suo destino.
Quando venite in maneggio
Vi preghiamo di non chiedere di lui,
non c’è più.

( BeBa )

Marzo

Il paradiso della terra è sul dorso dei cavalli

( Massima araba)

Aprile

Cavallo non fa cavaliere

(proverbio)

Maggio
 
Questa poesia è per Byron
Che odia il nylon,
C’è anche Luna
Che non ne becca una,
Poi Daisy
Che fa una tesi,
E Neve
Che non fa mai quel che deve,
Non scordiamo Black che mangia solo speck,
ma Furia, Minny e Pluto
secondo voi bevono dall’imbuto?
C’è il puledro Prisco
che va in disco.

(Ciao da Ar. Ila, Sere, Gigi, Eli.)

Giugno
 
Il Cavallo
È colui
Che come una stella
Ti illumina
La vita

( Arianna 12 a)

Luglio
 
Se ben saldo a cavallo non stai
Non arrischiarti a saltar fossi mai

(proverbio)

Agosto

Cavaliere giovane cavallo vecchio

(proverbio)

Settembre

Cavaliere novizio cavallo senza vizio.

(proverbio)

Ottobre
 
II cavallo è una passione
e montarlo è un’emozione.
Il cavallo è intelligente
Bravo e prudente
Sull’attenti dobbiamo stare
Se non vogliamo farci male!

(Arianna 12)

Novembre
 
Il cavallo è colui
Che come una stella
Ti illumina la via

( Arianna 12)

Dicembre

L’arte equestre classica utilizza la redine solo come un aiuto d’appoggio da usare con sensibilità, non come strumento di direzione – e tanto meno come “ferro”. Un segno distintivo di capacità equestre è la…”discesa di mano e di gambe”. Quando cavallo e cavaliere armonizzano uno con l’altro e imparano a comunicare tramite aiuti finissimi, il cavaliere rinuncia addirittura all’uso degli aiuti lasciando che il cavallo completi la lezione in perfetta riunione, con ritmo costante e impulso. Nell’arte equestre classica gli aiuti sono appunto intesi come tali, e solo come tali: aiutano il cavallo a capire le richieste. Quando il cavallo le ha capite ed eseguite, il cavaliere può rinunciare ad esse.

Cavall_in_arte                                                  Cavall_scrivendo